Ultimo Aggiornamento: 30 Maggio 2024

...

6 Marzo 2024

Enna: prete condannato a 4 anni e mezzo per violenza su minore

Nella città di Enna, il tribunale ha emesso una sentenza di quattro anni e mezzo di carcere per don Giuseppe Rugolo, sacerdote accusato di violenza sessuale su un minore, il quale ora ha trent’anni. L’inchiesta ha preso avvio in seguito alla denuncia del giovane, che ha raccontato alla polizia di aver subito violenze nel periodo compreso tra il 2009 e il 2013.

Questo caso non è isolato nel panorama italiano, infatti, secondo il censimento condotto dall’Osservatorio Permanente della Rete L’Abuso e dall’associazione internazionale Eca Global (Ending Clergy Abuse), sono stati registrati 164 sacerdoti con condanne definitive negli ultimi 15 anni. Un totale di 418 preti pedofili sono stati identificati, suddivisi in 88 anonimi, 166 denunciati e 164 condannati. Questi dati emergono dal Primo Report dei sopravvissuti agli abusi sessuali del clero italiano, presentato recentemente. L’obiettivo del rapporto non è solamente quello di fornire cifre, ma anche di offrire una visione più ampia del problema, spiegando perché la questione dei sacerdoti pedofili in Italia sia particolarmente preoccupante rispetto ad altri paesi, non solo nell’Unione Europea. Secondo l’associazione Rete L’Abuso, il report potrebbe sottostimare la portata reale del fenomeno, poiché molte vittime non riescono ad ottenere giustizia a causa della prescrizione. Attualmente, ci sono 166 sacerdoti accusati in attesa di giudizio o di sentenza definitiva in Italia, includendo anche coloro che hanno evitato la prescrizione. Il report fornisce anche dati dettagliati regione per regione, evidenziando che la Lombardia è al primo posto con 69 casi, seguita dal Veneto con 40, e dalla Sicilia con 39.

Questi numeri mettono in luce la necessità di affrontare questo problema con determinazione e di proteggere le vittime, garantendo loro giustizia e supporto adeguato.