Ultimo Aggiornamento: 30 Maggio 2024

...

3 Marzo 2024

Brindisi, operaio cade da un tetto: aumentano i decessi sul posto di lavoro

Giuseppe Petraglia

Nella città di Brindisi, un operaio edile di 40 anni, Giuseppe Petraglia, è morto in un incidente sul lavoro avvenuto nella zona industriale. Secondo le prime informazioni, l’uomo stava lavorando all’interno di un’azienda logistica quando è caduto dal tetto di una struttura alta più di dieci metri, con esiti fatali. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte degli operatori del 118 e del personale dello Spesal, non è stato possibile salvarlo. L’area è stata posta sotto sequestro, mentre la polizia ha avviato un’indagine per comprendere le circostanze dell’incidente, anche l’Asl ha iniziato le sue ispezioni.

Questa tragedia non è un caso isolato. Le statistiche dell’INAIL (Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro) indicano un aumento preoccupante degli infortuni e delle morti sul lavoro. Nel solo mese di gennaio 2024, sono state presentate 42.166 denunce di infortunio sul lavoro, con un aumento del 6,8% rispetto all’anno precedente, di queste, 45 hanno avuto esito mortale, segnando un aumento del 4,7%. I numeri sono allarmanti e sollevano interrogativi sulla sicurezza sul posto di lavoro e sull’efficacia delle misure preventive.

L’aumento degli infortuni e delle morti sul lavoro rappresenta una crescente preoccupazione, non solo a Brindisi ma a livello nazionale. Le denunce di infortunio sul lavoro sono in aumento sia nella gestione Industria e Servizi (+4,2%), sia nell’Agricoltura (+9,1%), e anche nel Conto Stato (+17,7%). Questi numeri rivelano una tendenza all’aumento degli incidenti che coinvolgono lavoratori di entrambi i sessi e di diverse nazionalità. Particolarmente allarmante è l’incremento degli incidenti mortali tra lavoratori di età compresa tra i 45-54 anni e i 60-69 anni, mentre si registrano diminuzioni tra i giovani e gli anziani. Questi dati sottolineano la necessità di rafforzare le misure di sicurezza sul lavoro e di adottare pratiche che proteggano la salute e il benessere dei lavoratori di tutte le età.

L’incidente di Giuseppe Petraglia ci ricorda che dietro ogni numero ci sono vite umane, famiglie e comunità colpite dalla tragedia. Per questo, è fondamentale che le autorità, le aziende e tutte le parti interessate lavorino insieme per garantire un ambiente di lavoro sicuro e protetto per tutti i lavoratori.

Don't Miss