Ultimo Aggiornamento: 30 Maggio 2024

...

19 Febbraio 2024

Controversia in mare aperto: il caso della morte di Alfio Torrisi

Alfio Torrisi

La scomparsa di Alfio Torrisi, un marittimo di 54 anni originario di Giarre, avvenuta nell’ottobre del 2023 alle Bahamas, ha sollevato domande che hanno scosso non solo la sua famiglia e la sua comunità, ma anche le autorità investigative. L’incidente ha innescato un’indagine per omicidio colposo da parte della Procura di Catania, poiché Torrisi era stato ricoverato dopo un improvviso malore sulla nave Paradise della Carnival Cruises Line, dove lavorava per conto della Techni Teak di Riposto. La mancanza di organi interni nel corpo di Torrisi, sostituiti con materiale insolito come segatura e fogli di giornali americani, ha reso impossibile condurre un’autopsia completa, aumentando i sospetti su un possibile coinvolgimento di terzi nella sua morte. Il caso ha attirato l’attenzione, soprattutto perché il decesso è avvenuto durante un servizio lavorativo su una delle navi da crociera più rinomate. Il Paradise della Carnival Cruises Line è ora al centro dell’attenzione, con presunzioni che l’incidente sia avvenuto proprio a bordo della nave. Tuttavia, le circostanze esatte della morte di Torrisi rimangono oscure, così come il motivo per cui i suoi organi interni sono stati rimossi e sostituiti. La Techni Teak di Riposto, l’azienda per cui Torrisi lavorava, è stata coinvolta nell’inchiesta a causa della sua responsabilità sulle condizioni di lavoro dell’uomo al momento del decesso ma attualmente non ci sono prove concrete che possano implicare l’azienda nel caso. La ricerca della verità su quanto accaduto a Alfio Torrisi richiederà una collaborazione approfondita tra le autorità locali alle Bahamas, dove è avvenuto il decesso, e le autorità italiane, al fine di gettare luce su questo caso.

Don't Miss