Ultimo Aggiornamento: 28 Febbraio 2024
Corriere della Campania
21 Gennaio 2024

Napoli: per sfuggire ai killer cade dal balcone e muore

Omicidio di Alfonso Cinque a Napoli San Pietro a Patierno
Omicidio di Alfonso Cinque a Napoli San Pietro a Patierno

Polizia al lavoro per ricostruire la dinamica dell’omicidio di Raffaele Cinque, 51 anni, già noto alle forze dell’ordine. Movente ancora da decifrare per i killer entrati in casa. La vittima è scappata, cadendo dal balcone e precipitando al suolo dal secondo piano. Saranno le indagini a chiarire la dinamica della morte di perché Raffaele Cinque, il cinquantenne trovato morto la scorsa notte a Napoli in via dello Scirocco, nel quartiere di Poggioreale. Gli agenti del commissariato di Secondigliano e gli uomini della squadra mobile di Napoli, intervenuti sul posto dopo la segnalazioni alla centrale operativa della Polizia di un cadavere in strada, hanno già accertato che i killer sono entrati in casa facendosi aprire la porta, probabilmente perché conoscevano la vittima. Gli hanno sparato e lo hanno inseguito anche quando Cinque, per tentare disperatamente di fuggire, è uscito sul balcone e si è lanciato nel vuoto dal secondo piano. E poi lo hanno finito sparandogli dall’alto.

Secondo quanto emerso dai primi accertamenti della Squadra Mobile di Napoli, la vittima ha tentato infatti la fuga buttandosi dal balcone che si trova al secondo piano dello stabile in cui abitava. Il sicario – o i sicari – ha esploso almeno otto colpi di pistola calibro 7×65, gli ultimi due quando Cinque si era già buttato giù, secondo quanto emerso dai rilevi condotti dagli uomini della Polizia Scientifica. L’uomo è ritenuto un criminale di piccolo taglio, vicino al clan Contini, sodalizio di rango della federazione criminale chiamata Alleanza di Secondigliano: a suo carico ci sono precedenti per reati contro il patrimonio come furto, un “cavallo di ritorno” e altri precedenti della stessa caratura. Gli investigatori stanno ora cercando di capire se sia possibile trarre elementi utili dalle immagini delle telecamere di sorveglianza della zona e analizzando il telefonino di Cinque tra messaggi e telefonate delle ultime ore che hanno preceduto la sua morte. Gli inquirenti invece non danno eccessiva importanza alla sua presunta vicinanza al clan Contini, del quale non era ritenuto un elemento di rilievo. Né il suo nome viene accostato in qualche modo agli ultimi fatti di sangue in città che hanno coinvolto esponenti delle cosche del centro storico.

Don't Miss